Rappresentanti poco rappresentativi, dalle critiche può rinascere la città

Il professor Giuseppe Restifo, portavoce della Rete di Ecologia sociale, interviene nel dibattito sulla corruzione all’Università, innescato dalla trasmissione “L’Arena” di RaiUno. Per il professore i rappresentanti degli studenti non possono rappresentare alcunché, sono stati eletti per fare le feste in discoteca quindi hanno fatto bene a non andare in televisione. Mentre il segno della novità sono le giornate di autogestione all’Università, di cui non si parla quasi per niente sui media. Facendo riferimento all’omicidio Bottari, da 10 anni senza colpevoli, “La Rete di ecologia sociale si chiede se abbiamo le carte in regole per fare gli offesi o se piuttosto, partendo anche dalle critiche spietate o strumentali ma in grandissima parte vere, non si può riprendere un percorso di liberazione dalle cupole che soffocano Messina”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*