Amam ed elettricità troppo cari, il terzo quartiere chiede agevolazioni

Libero Gioveni e Massimiliano Minutoli, rispettivamente consigliere del Pd e capogruppo dell’Mpa per la terza circoscrizione, hanno chiesto all’amministrazione comunale maggiore vigilanza sulle bollette delle famiglie più disagiate. Queste ultime dovrebbero corrispondere al canone minimo di 52 euro. Le somme richieste sono molto superiori e gli indigenti, senza reddito e senza fondo dei Servizi Sociali, non possono versarle. “Così l’AMAM si rivale sul comune – dice Minutoli -, mentre gli è debitrice di 9 milioni di euro, coi quali Buzzanca potrebbe risolvere tutto”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*