perfetti sconosciuti – Capitolo XI

14 settembre 2018 Blog
#andrea e rachele
#perfetti sconosciuti
#radiostreet
#venerdì

Chiara dormiva nuda, abbracciata a un cuscino e con un lenzuolo che in realtà non la copriva nemmeno. Andrea fumava, come sempre, e vagava per casa in mutande. Sguardo perso nel vuoto e mille pensieri nella testa.

Doveva chiamare Rachele, voleva affrontarla e non lasciarla vivere nelle sue fantasie. Non capiva perché fosse sparita e che senso aveva tutto questo. Pensava e rimuginava: “Che poi non ho mica fatto niente”, si consolava e autoassolveva così. E via con un’altra sigaretta.

Alla finestra osservava il lento e caotico movimento della città, aveva il telefono in mano. Doveva solo far partire la chiamata. Uno squillo, due, poi tanti fino alla conclusione che nessuno avrebbe risposto.
– Che ci fai già sveglio?
– Non riuscivo a dormire, adesso siamo svegli insieme.
– Almeno io non sono triste.
– Neanche io, sono solo complicato. Immagino di essere solo, come dopo l’apocalisse così da non dover dare più spiegazioni a nessuno.
– Andrea che palle che sei! Non hai sbagliato nulla. Quante volte vi sarete visti? Due, forse tre. Siete solo diversi, non c’è l’incastro giusto.

Nessuna frase di Chiara poteva fargli cambiare idea. Il telefono aveva ripreso a squillare…
– Pronto?
– Chi sei?
– Sono Andrea, tu chi sei?
– Mattia, il ragazzo di Rachele. Tu? Un suo collega?
Non rispose neanche, aveva avuto solo la forza di riattaccare.

where is she?