Stop al nuovo Piano di Riequilibro, la Giunta: “Consiglieri irresponsabili e incapaci”

28 febbraio 2018 Politica
#accorinti
#consiglio comunale
#Debiti
#default
#giunta
#piano di riequilibrio

Il Consiglio Comunale ha bocciato la delibera della giunta che rimodellava il Piano di Riequilibrio finanziario da 10 a 20 anni, dopo le novità introdotte dall’ultima legge di stabilità. Presenti soltanto 18 consiglieri su 40 al momento del voto, il documento ha avuto 9 favorevoli (Carlo Abbate, Cecilia Caccamo, Claudio Cardile, Gaetano Gennaro, Libero Gioveni, Rita La Paglia, Maurizio Rella, Ivana Risitano e Pippo Trischitta), 6 astenuti (Emilia Barrile, Carlo Cantali, Pietro Iannello, Alessandro La Cava, Antonella Russo e Nora Scuderi) e 3 contrari (Pippo De Leo, Daniela Faranda e Daniele Zuccarello). E su Palazzo Zanca torna così l’incubo del default…

Durissimo il commento del sindaco Renato Accorinti e di tutta la giunta, che hanno utilizzato parole di fuoco in una nota, che riportiamo integralmente:

“Le forze politiche, i partiti e i 9 Consiglieri comunali che hanno bocciato il piano di riequilibrio riformulato, si sono rivelati irresponsabili e incapaci di governare e costruire il bene di Messina. L’Amministrazione Comunale aveva ottenuto apposito intervento legislativo che consentiva di allungare da 10 a 20 anni la durata dei piani di riequilibrio rendendoli così più sostenibili per la popolazione.

Questa norma consente il salvataggio di centinaia di Comuni, mentre l’incoscienza di alcuni Consiglieri Comunali oggi condanna la città di Messina ad un lungo periodo di rinunce e difficoltà finanziarie che ne freneranno il percorso di normalizzazione e di sviluppo economico e sociale.

Incredibilmente, e soprattutto irresponsabilmente, il Consiglio Comunale ha bocciato la riformulazione del Piano di Riequilibrio rendendo impossibile l’attuazione di azioni di grandissima importanza come ad esempio l’erogazione dei servizi pubblici, le nuove assunzioni e le stabilizzazioni dei precari, imponendo di fatto per gli anni futuri tagli di molti milioni di euro destinati alle esigenze della città. 

Nelle prime ore del pomeriggio di oggi la follia, ma anche l’incapacità politica e amministrativa e l’assenza di una visione strategica hanno portato i nove Consiglieri e le forze politiche da questi rappresentate, con la loro astensione o il loro voto negativo, a creare colpevolmente una situazione di  danno alla città e alla cittadinanza anche in dispregio ai pareri positivi espressi dalla Ragioneria e dai Revisori dei Conti sulla delibera presentata nei termini di legge e precedentemente illustrata in commissione una settimana fa, prima ancora dell’approvazione in Giunta.

La giunta Accorinti con visione, serietà e capacità politica in questi anni ha costruito percorsi che hanno portato a risultati importantissimi: stabilizzazione di centinaia di precari, rifondazione del sistema di trasporto pubblico, riduzione di oltre 130 mln del debito della città, riavvio delle opere pubbliche, riordino delle partecipate, rivitalizzazione dei servizi sociali e tanto altro, riportando la città all’avvio di una nuova fase di sviluppo. Oggi, in pochi minuti, 9 dei solo 18 Consiglieri presenti, con un voto non motivato, hanno impedito di proseguire nel positivo processo di risanamento dei conti e sviluppo della città. Chi ha voluto tutto questo ha creato un danno enorme, non all’Amministrazione Accorinti, ma alla città e ai suoi cittadini condannandoli al doppio dei sacrifici. 

Le forze Politiche, con  assenze, astensioni o voti contrari, dimostrano, ancora una volta, di non essere in grado di governare Messina, non sapendo guardare all’interesse dei cittadini, ma solo a incomprensibili ed egoistiche logiche di bottega. C’è chi gioca a “fare politica”, ma purtroppo sulla pelle dei Messinesi; noi continuiamo a lavorare per il bene della città unico obiettivo della nostra azione amministrativa.”