Matilde Siracusano: “Nel programma di FI un aiuto concreto alle imprese per abbattere il tasso di disoccupazione giovanile”

27 febbraio 2018 Politica
#berlusconi
#campagna elettorale
#centrodestra
#disoccupazione
#elezioni politiche 2018
#forza italia
#siracusano

La candidata alla Camera dei Deputati, al collegio uninominale di Messina, in una nota ha presentato questo importante punto del programma elettorale del suo partito, che prevede la possibilità per le aziende che assumeranno a tempo indeterminato di non pagare tasse per i primi sei anni.
“Non solo flat tax. Per un vero rilancio dell’economia e dell’occupazione nel nostro Paese – afferma la Siracusano -, è importante ricordare che nel programma di Forza Italia è prevista una misura che agevola le imprese che assumono giovani disoccupati a tempo indeterminato”.
“In sostanza – continua – le aziende che assumeranno a tempo indeterminato avranno la possibilità di non pagare alcuna tassa per i primi sei anni. Questi sgravi fiscali e contributivi saranno determinanti per abbattere drasticamente il tasso di disoccupazione giovanile, con la conseguenza di aprire realmente il mercato del lavoro”.
Strettamente connessa a questa importante misura, c’è anche l’eliminazione dell’Irap (imposta regionale sulle attività produttive), annunciata da Berlusconi, il quale ha recentemente affermato: “Questa imposta è una rapina che grava su tutto ciò che le imprese fanno per svilupparsi. Tarpa loro le ali, perché colpisce gli investimenti e le assunzioni. Quindi è una imposta non soltanto unica in Europa, ma assolutamente controproducente”.
“Da giovane donna che ha dovuto lasciare la propria città per cercare un futuro lavorativo altrove – conclude la candidata di Forza Italia, ricordando il master svolto alla Luiss e la sua successiva attività come assistente parlamentare, dopo la laurea conseguita all’Università di Messina – non posso che appoggiare ed evidenziare queste importanti misure previste nel programma elettorale del mio partito, che mirano ad aiutare i giovani e le aziende”.