GeoStreet – in viaggio con Roberto Grano: Speciale Islanda

Il nostro viaggio oggi prende una svolta inaspettata: vi porto lontano dalla nostra Isola, in mezzo all’oceano, tra ghiaccio e fuoco.: in Islanda.

Già dalla suo concepimento geologico quest’isola si rivela essere un’unione di svariati elementi: nell’Oceano Atlantico, infatti, è in atto un processo tettonico distensivo, che vede la Placca Americana allontanarsi da quella Eurasiatica; quest’allontanamento “strappa” letteralmente la crosta sottostante facendo risalire magmi dalle parti fuse dell’interno del pianeta (Mantello). Dal quale, che rappresentiamo per convenzione come una sfera concentrica dentro il nostro pianeta, sotto determinate condizioni di temperatura, pressione, densità e composizione chimica, si staccano degli enormi pezzi semifusi (PLUME) che emergono in superficie e danno origine a vulcani sottomarini che piano piano, essendo in attività, si costruiscono ed emergono, vedi le Hawaii.

Ecco, nel caso dell’Islanda, non solo il magma risale dalle fratture dovute alla distensione, ma in più si aggiunge anche il plume, da alcuni definito Superplume.
Ecco nascere dai vulcani l’Islanda, che intersecando il Circolo Polare Artico incarna letteralmente l’espressione Terra di Ghiaccio e Fuoco.
Alcune curiosità: in questo Paese NON esistono i cognomi, ma sono ancora utilizzati i patronimici, cosa che da all’Islanda il primato europeo per l’accoppiamento tra consanguinei.
Non esistono scarafaggi nè zanzare date le bassissime temperature, al contrario uno dei numerosissimi laghi di questo paese, nonchè uno dei più grandi (lago Myvatn) è chiamato anche Lago delle Mosche.
Non esistono ferrovie, data la morfologia del luogo, tra fiordi, ghiacciai, nevi perenni, attività vulcanica, risalite di gas e acque calde gli unici modi per spostarsi sono Auto, Pullman e battelli.
L’allevamento è ancora uno dei mezzi di sostentamento principale, tale che in Islanda vi siano più pecore che persone.
Alcuni villaggi contano così pochi abitanti (150-250) che i residenti entrano in conflitto con gli
animali per il pesce.
Questa tappa del viaggio sarà divisa in due parti: SUD e NORD.Non resta che da preparare Zaino, macchina fotografica e ABITI PESANTI!