Botta e risposta tra sindacato e azienda sui lavori del viadotto Ritiro

La UIL annuncia proteste per il mancato pagamento di due mensilità ai lavoratori del viadotto Ritiro. Risponde, nel giro di qualche ora, l’azienda, la Toto Costruzioni Generali, che garantisce il pagamento degli stipendi arretrati. “La Toto – si legge in un comunicato dell’azienda – intende non solo concludere nei tempi previsti le attività di ripristino di una importante e delicata infrastruttura, ma farlo nel rispetto anche delle norme e delle procedure che tutelano le persone che lavorano”. Attualmente nel cantiere di Messina sono a lavoro novanta persone.