De Luca contro i magistrati, Barbaro preannunciata querela

28 novembre 2017 Politica
Cateno De Luca

Cateno De Luca

Diventa oggetto di denunce la “guerra” fra il deputato regionale e la magistratura messinese, iniziata subito dopo la restrizione ai domiciliari dell’ex sindaco di Fiumedinisi per la vicenda Caf Fenapi. In seguito a un riferimento al “procuratore generale”, chiamato in causa da De Luca nel corso dell’intervista “Non è l’Arena”, andata in onda domenica scorsa su La7, Vincenzo Barbaro, procuratore generale di Messina, ha preannunciato, in dichiarazioni rilasciate alla Gazzetta del Sud, quella che sembra proprio una querela: “Non intendo replicare, né sui giornali né in televisione, ai signori De Luca e Taormina, poiché ci penseranno i miei legali nelle competenti sedi”. La controreplica alle dichiarazioni di Barbaro è arrivata invece dagli avvocati del deputato, Carlo Taormina e Tommaso Micalizzi, i quali precisano che “in nessuna occasione di tipo mediatico è stato fatto il nome dell’alto magistrato da parte dei difensori dell’On. Cateno De Luca, i quali, pur nell’ambito di un serrato confronto dialettico, hanno sempre serbato comportamenti corretti e di rispetto nei suoi confronti”.