Indagato per riciclaggio il neodeputato regionale Luigi Genovese

23 novembre 2017 Politica

luigigenoveseCon il ventunenne, appena eletto all’Ars con Forza Italia, è finito nel mirino dei magistrati anche il padre, il deputato nazionale Francantonio. I finanzieri del Comando Provinciale di Messina ieri mattina hanno eseguito un sequestro di beni mobili e immobili riconducibili ai due per una cifra pari a 100 milioni di euro. Secondo gli inquirenti, dopo la condanna a 11 anni, Genovese senior avrebbe intestato su conti esteri parte del patrimonio al figlio. Le indagini avevano inizialmente consentito di trovare fondi esteri per un ammontare pari ad oltre 16 milioni di euro, schermati da una polizza accesa attraverso un conto svizzero presso la società Credit Suisse Bermuda. Luigi Genovese, che secondo gli inquirenti avrebbe avuto un ruolo determinante per riciclare circa 30 milioni di euro, ha così commentato: “Sto già valutando insieme al mio legale di fiducia le iniziative da assumere in sede giudiziaria, certo di dimostrare la linearità e la regolarità della condotta mia e dei miei congiunti, nella gestione dei beni di famiglia”.