L’assessore De Cola: “La variante al Prg langue da otto mesi”

L’esponente della Giunta con la delega ai Lavori pubblici in una nota sollecita il consiglio comunale: “da otto mesi il documento è all’ordine del giorno dell’aula senza mai essere stato discusso”. Due gli aspetti su cui interviene – spiega l’assessore – tutela ambientale e prevenzione del rischio. Non a caso è stata richiesta dal Consiglio comunale con riferimento anche alla tragedia di Giampilieri del 1° ottobre 2009. Soggetta per legge a riservatezza per alcune parti, potrà essere conosciuta da tutti i cittadini nei dettagli solo dopo l’adozione da parte del Consiglio Comunale. Per la metodologia adottata, la Variante è stata indicata come esempio dalla struttura di missione del Governo denominata Casa Italia, che sta valutando se dare finanziamenti per avviare una fase di sperimentazione a Messina. Senza l’adozione da parte del Consiglio, ovviamente, nessun finanziamento è ipotizzabile”