Messina, adesso si fa dura: iscrizione alla Serie C appesa a un filo

pino_proto_accorintiLa società del presidente Proto ha reso noti i rilievi giunti dalla Covisoc, che ha appurato come l’indice patrimoniale dell’Acr non sia in linea con i parametri richiesti per l’iscrizione. Per regolarizzare la situazione, occorre rimpinguare le casse societarie con 330mila euro entro venerdì 7, pena l’esclusione dal prossimo campionato di Serie C. Nel comunicato emesso, l’Acr ha confermato di poter garantire la fideiussione richiesta, il pagamento degli emolumenti e relativi oneri fiscali per oltre 50 contratti, la tassa d’iscrizione al prossimo campionato e l’abbattimento dei debiti con la Lega, ma, al momento, non sarebbe in grado di reperire la somma di 330mila euro, come chiesto dalla Covisoc. Per questo la società si appella alle istituzioni e all’imprenditoria locale, affinché diano un’ulteriore aiuto. È ormai una corsa contro il tempo. L’ennesima.