Un altro anno di RadioStreet: i dischi

Siamo arrivati alla fine della nostra Bella Stagione 2016/2017, da settembre ad oggi di dischi belli e nuovi ne sono usciti, dal folk al rock, dai gruppi già rodati a quelli appena nati. Qui abbiamo selezionato – fuori dalla nostra Next Parade – le uscite discografiche più curiose:

Settembre:
Esce il 30 settembre 22, A Million, terzo album di Bon Iver progetto indie folk creato da Justin Vernon. Dieci tracce intense e complete di tutto quello che serve per confezionare un disco bellissimo. Pitchfork ha scritto: le sue cifre stilistiche rimangono intatte anche nei punti più deformati del disco, specialmente la sua rara abilità di trasformare i ritmi naturali del respiro e dei discorsi in melodie intense.

Ottobre:
Esce il 14 ottobre WALLS che sta per “We Are Like Love Songs” settimo album della famiglia americana Kings of Leon. A distanza di tre anni dall’ultimo lavoro, tornano a registrare a Los Angeles e lo hanno fatto con un nuovo produttore, Markus Dravs, celebrato per il lavoro svolto con Coldplay, Arcade Fire, Mumford & Sons e Florence + The Machine. LaRepubblica ha scritto: la qualità migliore di WALLS è il lavoro sulle canzoni, il mix tra scrittura, esecuzione e produzione. Un gioco di equilibrismo tra l’essenzialità rock e la ricchezza di sfumature (riverberi, echi, feedback, suoni in sottofondo) tale da rendere l’esperienza godibile e intensa anche dopo diversi ascolti.

Novembre:
Esce il 25 novembre Mille gruppi avanzano, ottavo album in studio degli Assalti Frontali , gruppo rap italiano. Tra le varie collaborazioni sono presenti il rapper Inoki, storico collaboratore della crew romana e Il Muro del Canto. Rockit ha scritto: merito del disco è affrontare temi particolarmente delicati come quello del lavoro in Italia, soprattutto dopo le parole di Poletti, attuale ministro del lavoro e portarli all’attenzione di tutti.

Dicembre:
Esce il 2 dicembre Blue & Lonesome, raccolta di cover blues dei Rolling Stones. Il disco – a cui ha partecipato tra l’altro anche Eric Clapton – non contiene tracce autografe, il quartetto ha deciso di reinterpretare le dodici canzoni, quasi tutte del periodo a cavallo fra gli anni ’50 e ’60, registrate nel giro di tre giorni e affidate alle attenzioni del co-produttore Don Was. Rolling Stone ha scritto: il suono è la cosa più sorprendente. Sembra arrivare da un’altra epoca eppure è incredibilmente presente, sfacciatamente inesorabile, come se non ci fosse nient’altro di così importante nella musica di oggi.

Gennaio:
Esce il 20 gennaio A Casa tutto bene, quarto album della Brunori Sas, guidata dal cantautore cosentino Dario Brunori, che con il singolo La Verità si porta a casa la Targa Tenco come Migliore Canzone dell’anno. Rolling Stone ha scritto: stupirsi di fronte a un lavoro completo, arrangiato con una cura rara di questi tempi e strutturato (bene) intorno a canzoni in grado di esistere, farsi ascoltare nel loro strato melodico, certo, ma anche farsi scoprire piano, emergere.

Febbraio:
Esce il 10 febbraio Human primo album in studio di Rory Graham meglio conosciuto come Rag’n’Bone Man. Fresco vincitore del Brits Critics’ Choice Awards 2017, secondo al BBC Music Sound of 2017, già finito sulla copertina di NME. Rockol ha scritto: suoni, inflessioni vocali, timbri, echi, cori, tutto è perfettamente calibrato per ottenere una suggestione forte, un effetto immediato.

Marzo:
Esce il 18 marzo More Life, progetto discografico del rapper canadese Drake. DLSO ha scritto: il lavoro di Drake sembra quasi una playlist in cui l’artista di Toronto ha deciso di unire, grazie alle sue capacità e quelle dei suoi collaboratori, una varietà di melodie fatte di suoni anche molto diversi tra loro: “More Life” è in grado di trasportare chi ascolta per l’intera ora e venti minuti senza farlo annoiare. Unire così tanti artisti e produzioni diverse tra loro in 22 tracce è sicuramente un rischio, ma in fin dei conti ben riuscito considerando la qualità dei pezzi.

Aprile:
Esce il 14 aprile Damn, quarto album del rapper statunitense Kendrick Lamar. Picthfork ha scritto: è un capolavoro di rap rapido, pieno di battute e rime fuoribonde.

Maggio:
Esce il 5 maggio For Crying Out Loud, sesto album in studio del gruppo musicale britannico Kasabian, pubblicato dalla Columbia Records. Rockol ha scritto: i Kasabian sono degli smanettoni della musica: amano giocare con suoni, melodie, diversi strumenti. Sono rock, ma sono contemporaneamente difficilmente classificabili in un genere preciso. Sicuramente non rispettano i paletti classici del rock, ma per loro le chitarre non sono periferiche che hanno bisogno di essere installate. “Plug & play”, appunto. Attacca le chitarre e suona: questo “For crying out loud” ne è la dimostrazione.

Giugno:
Esce il 2 giugno Relaxer, terzo album in studio degli inglesi alt-J. L’opera è stata registrata con il produttore Charlie Andrew in varie zone di Londra: Shoreditch, St John’s Wood, Crouch Hill e Brixton. Rolling Stone ha scritto: La band che suona per sottrazione e sembra più di ogni altra impersonificare il credo dei Radiohead di How to Disappear Completely si chiude nel proprio universo rarefatto e ci si perde consapevolmente dentro, costruendo un esempio perfetto della creatività digitale applicata alla musica nel 2017.