Palermo, la candidatura a sindaco di La Vardera era una messinscena?

lavarderaA far deflagrare il caso l’attore Francesco Benigno, candidato al consiglio comunale in una lista della coalizione, con Lega e Fratelli d’Italia, che sosteneva Ismaele La Vardera, l’ex inviato delle Iene che ha raccolto poco più del 2,50% dei consensi. Benigno, che ha avuto una lite con La Vardera, sedata dai carabinieri, ha affermato che l’ex candidato sindaco gli aveva confidato di essersi candidato soltanto per poter realizzare un docufilm e rendere note le conversazioni al chiuso di quattro mura tra noti esponenti politici, dicendo in tal senso di avere del materiale sull’attuale coordinatore regionale di Forza Italia, Gianfranco Micciché, e sull’ex governatore Totò Cuffaro. Dure le reazioni da parte dei partiti che avevano appoggiato La Vardera, che hanno annunciato azioni legali nei suoi confronti. L’ex Iena, dal canto suo, dopo le elezioni non ha più rilasciato dichiarazioni e si è trincerato dietro il silenzio.