Di quando quella volta…

liberoC’è una rubrica sul quotidiano nazionale Libero che si chiama “Modulazione di Frequenza” che racconta le radio locali in giro per l’Italia e dentro ci siamo finiti anche noi e la nostra storia lunga 13 anni. Buona lettura!

RadioStreet Messina, nata web si trasforma in Fm
di Tiziana Lapelosa

Quando connettersi a internet era tutto un singhiozzare, quando la rete come diffusore di musica e notizie era una scommessa per pochi, c’è chi ha creduto nel potere del web. Dando vita ad un percorso radiofonico insolito, che ha visto la loro creatura debuttare prima in rete, nel 2004, e poi in Fm nel 2007.
Nasce così Radio Street Messina, la radio che entro i confini della città siciliana si continua a seguire alla maniera tradizionale, mentre altrove ci si affida al web. Un’avventura che porta il nome di Luciano Fiorino, che dopo un primo giro di boa radiofonico che era 14enne e dopo una esperienza con le guide al tempo libero della sua città, gli viene l’idea di creare una web radio. E, siccome da cosa nasce cosa, quando c’è stata l’opportunità di acquisire una frequenza (103.3) non se l’è lasciata sfuggire, al punto che la radio oggi può festeggiare due compleanni: uno a maggio (web) e uno a ottobre (Fm).
Una scommessa, quella di Fiorino, con dei punti fermi: «All’epoca i network erano un punto di riferimento, ma se da un lato si imparava molto, dall’altro c’era il rischio di fare una radio-fotocopia. Per questo si è deciso di dare a Radio Street Messina un carattere territoriale e di laboratorio dove nuovi ragazzi crescono, che è poi ciò che fa la fortuna delle radio locali». Così, mentre gli altri puntavano su grandi successi e musica italiana, «noi abbiamo dato più spazio al rock, ai vecchi successi e ai next, i successi di domani». Ovvio che non manca l’informazione, figuriamoci il rapporto con gli ascoltatori ai quali, oltre ad avere voce soprattutto al mattino, diventano protagonisti ogni mese e d’estate. Con il caldo la radio si trasferisce in spiaggia con Operazione a mare. Una volta al mese, invece, viene omaggiato un grande della musica – da David Bowie a Kurt Cobain, per esempio -, e in un locale del posto viene allestita una sorta di mostra che ricorda il cantante o il gruppo con una band che ne reinterpreta i successi. Una volta all’anno, invece il 14 febbraio, viene organizzato lo Street date, che altro non è che uno «speed date» in versione messinese. Con Radio Street Messina che ormai fa da testimone a numerose coppie, tuttora felici.