Gela, le due bambine uccise dalla madre morte per strangolamento

(foto Repubblica Palermo)

(foto Repubblica Palermo)

A rivelarlo agli inquirenti Giuseppa Savatta, l’insegnante di 41 anni, che ha ucciso le sue due figlie, di 9 e 7 anni. La donna, che si trova ricoverata in ospedale, in stato di arresto e piantonata, ha affermato che solo lei ha bevuto candeggina, nel tentativo di togliersi a sua volta la vita. Intento non riuscito a causa dell’intervento del marito, entrato in casa pochi istanti dopo la tragedia. Intanto, si sono svolti, in forma strettamente privata, i funerali delle due bimbe, Maria Sofia e Gaia Trainito. All’esterno della Chiesa Madre di Gela centinaia di persone a dare l’ultimo saluto alle piccole.