La vertenza al Policlinico: no dei sindacati al piano di recupero dell’azienda

Il piano di rientro, che dovrebbe consentire al Policlinico di ripianare il deficit di 22 milioni di euro, prevede il taglio di oltre duecento posti letto a fronte di un aumento delle spese contrattuali per i dipendenti di solo il 7%. Intanto in vista della scadenza – il 31 dicembre – dei contratti a tempo determinato, centinaia di medici e ausiliari rischiano di non veder confermati i posti di lavoro. I sindacalisti chiedono l’immediato pagamento di tutte le spettanze al personale medico e paramedico e preannunciano lo sciopero.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*