Castelvetrano, il consiglio comunale si autoscioglie per protesta

8 marzo 2016 Sicilia
#calogero giambalvo
#cosa nostra
#le iene
#mafia
#Matteo Messina Denaro
castelvetrano_municipioVentidue consiglieri su trenta del comune in provincia di Trapani hanno rassegnato le proprie dimissioni, altre ne seguiranno a breve. La decisione è maturata in seguito al reintegro del consigliere Calogero Giambalvo, arrestato nel novembre 2014 con l’accusa di essere vicino a Matteo Messina Denaro. Assolto e rilasciato un anno dopo, lo scorso 25 gennaio era tornato in possesso del suo seggio in consiglio comunale. La vicenda nelle scorse settimane era salita alla ribalta nazionale grazie a un servizio de “Le Iene”. In un’intercettazione Giambalvo, esponente di Articolo 4,  afferma che rischierebbe la vita per il numero uno di Cosa Nostra, latitante da oltre 20 anni. “Togliamo dall’imbarazzo mediatico la città che con questo gesto dimostriamo concretamente di amare”, hanno scritto i consiglieri dimissionari motivando la loro decisione.