Insultò su Twitter l’allora sindaco Buzzanca, pena pecuniaria per Lillo Oceano

2 marzo 2016 Politica
#buzzanca
#diffamazione
#lillo oceano
#querela

Lillo oceano“A Messina si rispettano le tradizioni: alla Provincia Ricevuto, detto Nannibugia al Comune di Messina Peppinocchio”. Questa è la frase incriminata, scritta su Twitter il 24 gennaio 2012 dal segretario provinciale della Cgil Lillo Oceano sulla sua pagina ufficiale. Frase che gli costò la querela da parte dell’ex sindaco Giuseppe Buzzanca per diffamazione. Il giudice monocratico Catia Bagnato ha condannato Oceano alla pena di una multa di 300 euro, più le spese legali per 1.400 euro e il risarcimento a Buzzanca da stabilire in sede civile.