Tutta Gela in corteo per lo sciopero generale

sciopero_gelaOltre cinquemila persone hanno sfilato per le vie del centro, con lo sciopero generale di tutta la città, proclamato ufficialmente dal consiglio comunale, che arriva dopo una settimana di mobilitazione da parte dei dipendenti della raffineria e dell’indotto, motore su cui si basa quasi tutto il sistema economica del comune nisseno. Attesi i responsi degli incontri istituzionali con il governatore Crocetta e a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Intanto, l’Eni ha confermato la riconversione della raffineria da produttrice di petrolio a biocarburanti, per un investimento previsto di 2,2 miliardi di euro.