Processo Provvy, ammesse tutte le parti civili

provvidenza-grassiNel corso del processo per chiarire le dinamiche della morte di Provvidenza Grassi, la ragazza scomparsa nel luglio 2013 e trovata morta solo qualche mese dopo, la Corte ha ammesso tutte le parti civili che hanno avanzato richiesta, ossia la famiglia della giovane, l’ex marito, il fidanzato Fabio Lo Schiavo ed alcune onlus, volte a tutelare la posizione dei consumatori e delle famiglie di vittime della strada. I giudici hanno detto sì anche alla chiamata in giudizio del Cas quale responsabile civile e di tutti glin ex commissari, accusati a vario titolo di omicidio colposo e rifiuto di atti d’ufficio. Secondo la Procura, il pessimo stato di manutenzione del viadotto è la concausa principale della morte della ragazza.