Bello e Possibile

foto (1)

Quant’è bello raccontare storie di altri, apprendere e appassionarsi di cose che non si conoscono. Guardare il mondo con occhi che appartengono ad altri volti, interrogarsi su cose che fino a quel momento non avevi preso in considerazione.
Quant’è bello mettersi le cuffie, avere quei pochi secondi di silenzio in studio ed entrare in onda. Immaginarsi sempre quella signora con il finestrino abbassato che ascolta e ad un certo punto le viene da ridere mentre sta là a sentire i nostri racconti, che poi sono sempre racconti di altri, e non cambia stazione. Rimane lì, sulle frequenze medie dei 103.3.
Quant’è bello creare ogni giorno una cosa diversa da quella che si fa il giorno precedente e il giorno precedente ancora. Anche se, a volte, si avvicina molto alla routine. Odora di casa, di abitudini, di cose che fai perché fanno parte del quotidiano.
Quant’è bello sentire l’emozione come se fosse sempre la prima diretta e il cuore che ti scoppia appena inizia la puntata.
Quant’è bello poter fare la cosa che si ama.

Qui su RadioStreet – la Radio che Ascolta Messina.