Alluvione Barcellona, si indaga contro ignoti per tre ipotesi di reato

alluvione2Il procuratore di Barcellona, Emanuele Crescenti, e la sostituta Federica Paiola, assieme ai carabinieri e agli agenti del Corpo Forestale, hanno compiuto un sopralluogo nell’area residenziale di Caldà, ispezionando la zona arginale del torrente Mela, con lo scopo di accertare cause ed eventuali responsabilità per la tracimazione delle acque.
I due magistrati hanno verificato la condizione dei muri d’argine, constatando danni mai riparati e varchi rimasti aperti. Si indaga adesso contro ignoti, per le ipotesi di omissione d’atti d’ufficio, disastro colposo e danneggiamento.
L’ispezione si è estesa anche sulla sponda milazzese del Mela, alla frazione Bastione, ma sull’esito vi è massimo riserbo.