L’occupazione dell’aiuola di via Tommaso Cannizzaro è un “atto politico”

31 agosto 2015 Cronaca
#pinelli
#tenda
#tribunale
#università

pinellitendauniversitàA “occupare” l’aiuola spartitraffico tra il Rettorato e Palazzo Piacentini un gruppo di attivisti messinesi facenti parte del Collettivo Pinelli. Definiscono la loro azione un “atto politico” in seguito alle polemiche scoppiate in questi giorni, per il rispetto dei diritti umani e contro l’utilizzo del Trattamento Sanitario Obbligatorio, alla luce dell’episodio della donna che si era accampata in quei luoghi nelle scorse settimane e alla tragedia di Torino, dove il 45enne Andrea Soldi è morto proprio durante le operazioni di un TSO.

Sul posto sono intervenuti Carabinieri, Polizia Municipale e Corpo Forestale, presenti anche i consiglieri comunali Ivana Risitano e Gino Sturniolo. I manifestanti hanno spiegato ai militari dell’Arma e ai vigili urbani le ragioni del loro gesto. Due di loro hanno rifiutato di farsi identificare e sono stati accompagnati presso la caserma Di Maio della Polizia Municipale, in attesa di verifiche. Altri rimasti a “presidiare” la zona; sequestrati inoltre i due striscioni con frasi di Rousseau (“È difficile ridurre alla obbedienza chi non ama comandare”) e di Foucault (“Dall’uomo al vero uomo la strada passa dall’uomo pazzo”). Dopo poco più di mezzora le forze dell’ordine sono andate via.