L’incubo si materializza: la Reggina spedisce in D il Messina

me-rcI giallorossi concludono nel peggiore dei modi la stagione, culminata con la retrocessione in serie D questo pomeriggio: nel ritorno dei play-out fa festa la Reggina che, pur giocando oltre mezzora con un uomo in meno, riesce a espugnare il San Filippo grazie al gol di Balistreri all’87’, bissando così l’1-0 dell’andata.

Decisamente brutta la gara, con la Reggina che nel primo tempo ha le migliori occasioni da rete, mentre il Messina preme davvero soltanto una decina di minuti, dopo l’espulsione di Benedetti, e costruisce l’unica vera palla gol di tutto il match, con Benvenga che spara alto da posizione invitante.

Seguirà una parata del portiere reggino Berardi su una conclusione di Orlando e poi il nulla, con la beffa finale della rete subita, per la festa dei tifosi ospiti e lo scoramento dei 5mila supporter biancoscudati.

“Abbiamo sbagliato tutto” è il laconico commento negli spogliatoi del direttore sportivo del Messina, Fabrizio Ferrigno, che si è preso tutte le responsabilità per la retrocessione. Troppo tardi, dopo una stagione nata male e finita decisamente peggio. E il presidente Pietro Lo Monaco? Non pervenuto.