Interdetta per un anno alla Caronte&Tourist la partecipazione a bandi pubblici

vinc_franza

Vincenzo Franza e, in secondo piano, Antonio Repaci (foto Enrico Di Giacomo)

Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Messina, Salvatore Mastroeni, che ha accolto la richiesta del sostituto procuratore della Dda Liliana Todaro. Oltre alla Caronte&Tourist, è stata interdetta anche la Salerno Container Terminal del Gruppo Gallozzi.

Sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti la gara del 2013 per il trasporto sullo Stretto, vinta dalla società del Gruppo Franza; a parteciparvi, infatti, altre due società, tra cui proprio la Salerno Container Terminal, che ha tra gli azionisti la Caronte&Tourist.

Da qui l’ipotesi del reato di turbativa d’asta formulato dalla Procura, rivolto ai vertici delle due società, sotto inchiesta personalmente. In particolare per la Caronte&Tourist, indagati Vincenzo Franza, la madre Olga Mondello e Antonio Repaci.