Tragedia familiare a Barcellona

carabinieri-2In seguito all’ennesima discussione il ventisettenne Alessandro Crisafulli, davanti agli occhi dei genitori, avrebbe impugnato un fucile da caccia e sparato in pieno petto al fratello Roberto, di 31 anni. Nel tentativo di sedare la lite, la madre aveva chiamato invano i carabinieri; all’arrivo dei militari dell’Arma, infatti, Roberto Crisafulli era già morto. Il fratello Alessandro si trova adesso in stato di fermo, in attesa delle decisioni dell’autorità giudiziaria.