Mafia: sigilli a beni per 6,5 mln

La Dia di Agrigento ha sequestrato e confiscato beni per oltre 6 milioni e mezzo di euro su disposizione del Tribunale di Palermo. I provvedimenti hanno colpito i beni riconducibili tra gli altri al boss mafioso Giuseppe Falsone, 44 anni di Campobello di Licata (Ag), detenuto e ritenuto il capo di Cosa nostra nella provincia di Agrigento. Sigilli anche a una impresa destinata alla coltivazione di cereali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*