Aggredisce la moglie e chiama i carabinieri

1 giugno 2007

“venite, venite, sto per ammazzare mia moglie”. Sarebbero state queste le parole pronunciate al telefono dal 57enne Armando Bertè, al culmine di una lite legata allo stato di ubriachezza dell’uomo, che ha portato al suo arresto. all’arrivo degli agenti Bertè si sarebbe avventato contro le forze dell’ordine che lo hanno arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale. L’uomo è stato condannato ad un anno e due mesi di reclusione.