Nessuna sorpresa in consiglio comunale, l’aula boccia il piano di riequilibrio finanziario con l’avallo dell’amministrazione

13 i voti contrari, 1 favorevole e 20 astenuti. Tutto come nelle previsioni dunque, nonostante un consiglio dai toni accesi: l’amministrazione auspicava questa soluzione e recepirà adesso un comma della legge di stabilità per chiedere una deroga di 60 giorni, in modo poter presentare un nuovo piano di riequilibrio, la cui futura approvazione è propedeutica alla richiesta di accedere al fondo salva-Enti e tentare così di evitare il dissesto finanziario di Palazzo Zanca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*