La Cassazione conferma l’ergastolo per il figlio di Totò Riina

22 gennaio 2014

La Suprema corte ha rigettato la richiesta di sostituzione della pena del carcere a vita con 30 anni di reclusione per Giovanni Riina, figlio del noto boss mafioso. Il ricorso per l’applicazione della commutazione della pena era stato presentato dal legale di Riina, l’avvocato Antonio Malagò, in seguito ad una sentenza della Consulta che prevedeva lo sconto di pena a chi, nel 2001, aveva fatto la richiesta di rito abbreviato secondo la legge Carotti, abrogata alla fine di quello stesso anno.