La Procura di Palermo ipotizza l’esistenza di una talpa nei propri uffici

Grazie ad un’intercettazione del 14 novembre tra il boss della Sacra Corona Unita Alberto Lorusso e il capo di Cosa Nostra Totò Riina si apre l’ipotesi di una spia che avrebbe accesso alla posta elettronica interna, tramite la quale avvengono le comunicazioni tra i magistrati. Si alza così la tensione in procura, soprattutto in merito alle ripetute minacce di morte del boss di Cosa Nostra Riina al pm antimafia Antonino Di Matteo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*