La nota del Cda dell’Università di Messina dopo lo scandalo che ha coinvolto la Facoltà di Farmacia

Dopo gli arresti del preside di Farmacia Giuseppe Bisignano e del professore ordinario Giuseppe Teti, accusati di inquinamento di concorso per ricercatore in Microbiologia e Microbiologia Chimica, il Consiglio di Amministrazione dell’Università ed il Senato Accademico prendono le distanze da quanto accaduto e annunciano l’intenzione di adottare provvedimenti verso i responsabili, contro cui si dichiarano parte lesa. Si legge inoltre nella nota che verrà rivisto l’esito del concorso oggetto di indagine, il cui vincitore verrà deciso secondo criteri di meritocrazia.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*