Mori e Obinu assolti, per il tribunale i fatti non costituiscono reato

La sentenza è stata pronunciata, dopo circa sette ore e mezza di camera di consiglio, dalla quarta sezione del tribunale di Palermo presieduta da Mario Fontana. ll generale Mario Mori e il colonnello Mauro Obinu erano stati indagati a seguito delle indagini sulle trattative stato-mafia. I giudici hanno disposto anche la trasmissione dei verbali delle dichiarazioni dei Massimo Ciancimino e del colonnello Michele Riccio. Il che significa nei fatti che i grandi accusatori non sono stati considerati attendibili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*