Nell’ambito dell’inchiesta sugli Enti di formazione, ai domiciliari anche l’ex assessore Melino Capone, l’ex consigliere comunale Elio Sauta e le mogli di Francantonio Genovese e Peppino Buzzanca

Il gip ha emesso dieci ordinanze di misure cautelari ai domiciliari e una misura di sospensione dall’esercizio del pubblico ufficio. Ai destinatari dei provvedimenti, notificati da Guardia di Finanza e Polizia, viene contestata l’associazione a delinquere finalizzata al peculato e alla truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche destinate a progetti formativi. L’inchiesta della Procura, coordinata dal procuratore aggiunto Sebastiano Ardita e dai pm Camillo Falvo, Fabrizio Monaco ed Antonio Carchietti, ruota attorno a tre centri di formazione professionale che operano in provincia di Messina: Lumen, Aram e Ancol. Ulteriori aggiornamenti nel corso degli altri gr.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*