Raffaele Lombardo e il figlio Toti indagati dalla Procura di Catania con l’accusa di voto di scambio

Avrebbero promesso assunzioni in cambio dei voti nell’occasione del rinnovo dell’Ars, durante le elezioni regionali del 2012. Ad essere sotto inchiesta anche Ernesto Privitera, Angelo Marino e Giuseppe Giuffrida che dovranno rispondere dello stesso reato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*