Sarebbero pronti quattro ricorsi al Tar per richiedere il conteggio, in alcune sezioni, delle schede del primo turno delle amministrative

I rumors sono sempre più insistenti ed è probabile che entro il 13 luglio, termine ultimo, qualcuno presenterà il ricorso al Tar per quanto riguarda il turno elettorale del 9 e 10 giugno, in cui Felice Calabrò non ha ottenuto la maggioranza assoluta, e dunque l’elezione a sindaco, per soli 59 voti. Sotto la lente di ingrandimento ci sarebbero alcune sezioni dove il dato fra i voti alle liste e quello ai candidati sindaco ha una discrepanza di oltre il 50%. La posizione del Partito Democratico e di Calabrò, tuttavia, resta quella annunciata nei giorni scorsi: l’ex candidato sindaco ha ribadito di accettare il responso delle urne e si augura che nessuno presenti ricorso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*