Un fine settimana particolarmente variabile

La prima parte del periodo sarà caratterizzata, infatti, da condizioni ancora moderatamente instabili, con qualche residua precipitazione anche temporalesca, mentre i venti da nord-nordovest, sui 25-30 nodi, continueranno a mantenere molto mosso il Tirreno e mossi i rimanenti mari. Per la giornata festiva, invece, la discreta ripresa del campo barico subirà una nuova influenza da parte di correnti meridionali che giungeranno da sud-sudest, intorno ai 15-20 nodi, contribuendo a far divenire il moto ondoso dei mari circostanti la provincia, prevalentemente poco mosso o localmente mosso, soprattutto nella seconda parte della giornata, con ulteriori rinforzi nel Tirreno. I fenomeni saranno limitati a deboli precipitazioni sui rilievi e nelle zone interne, in estensione al rimanente territorio dalla serata di domenica, mentre localmente potranno formarsi delle foschie notturne e mattutine. Per quanto riguarda il campo termico, questo si manterrà ancora su valori bassi nella giornata di sabato e nella prima parte della domenica, con massime intorno ai 10-11°C e minime di 6-7°C, poi con l’arrivo della circolazione meridionale, i valori estremi torneranno a risalire di 3-4°C. Tuttavia, durante buona parte del periodo e fino al sopraggiungere dei venti da sud, la ventilazione moderata e il tasso di umidità compreso tra il 45 e il 95%, porterà a far percepire soggettivamente temperature comunque inferiori a quelle reali, con una ripresa verso le medie stagionali a partire appunto da domenica.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*