Operazione Fake, 7 arresti, 5 divieti di dimora e 156 indagati a Patti per una presunta truffa elettorale in occasione delle amministrative 2011 del comune tirrenico

A notificare le disposizioni firmate dal Procuratore Rosa Raffa gli agenti della Squadra Mobile di Messina e quelli del commissariato di Patti. Secondo le indagini nel 2011 si era creata una vera e propria organizzazione che coinvolgeva politici locali, dipendenti comunali e vigili urbani, trasferendo in maniera fittizia a Patti numerose residenze di abitanti nei comuni limitrofi in modo da avere più consensi alla tornata elettorale. Agli arresti, con la misura dei domiciliari, l’ex vicesindaco e assessore Francesco Gullo, padre di Mariella, appena eletta con il Pd alla Camera dei deputati, un consigliere comunale di Patti e uno di San Piero Patti, Domenico Pontillo e Maria Pia Germanà, l’ex vice comandante della Polizia Municipale Carmelo Lembo, l’ispettore di Polizia Municipale Giuseppe Panzalorto, e Irene e Antonella Cappadona, del Consorzio Sociale Insieme.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*