Cambia la circolazione, si accentua la variabilità

31 gennaio 2013

L’evoluzione del tempo nelle prossime ore subirà una variazione verso condizioni più variabili, con nuvolosità più consistente, localmente associata a qualche debole precipitazione, mentre le schiarite e la ventilazione sudoccidentale favoriranno valori termici di poco sopra la media stagionale. Il promontorio che ha garantito il tempo mite dell’ultimo periodo, cederà sotto l’arrivo di una nuova perturbazione da nordovest, determinando così una circolazione che richiamerà più marcatamente i venti da ovest-sudovest, che nella loro natura calda e umida apporteranno discreta nuvolosità e precipitazioni deboli soprattutto sui rilievi e nelle zone interne., mentre qualche debole foschia sarà ancora presente di primo mattino, sulle riviere. Il campo termico vedrà aumentare leggermente i valori di massima, sui 16-17°C, e quelli di minima, intorno ai 10-11°C, con un tasso di umidità ancora compreso tra il 60 e il 95%. Come anticipato, la ventilazione ruoterà dai quadranti sudoccidentali, e con intensità in crescita intorno ai 20-25 nodi, contribuirà anche a far aumentare il moto ondoso del Tirreno da mosso a molto mosso, mentre lo Stretto e lo Ionio, in posizione più riparata, avranno uno stato relativamente poco mosso e localmente mosso.