Il Comune avvia un’azione di recupero crediti nei confronti dell’Amam

14 gennaio 2013

Palazzo Zanca deve infatti ancora riscuotere 15 milioni di euro per il servizio compreso tra il 1996 e il 2011. L’incarico è stato affidato all’avvocato del Comune Arturo Rizzo ed è conseguenza inevitabile del muro che si è visto sbarrare il dirigente alle Partecipate di Palazzo Zanca, Antonino Cama, le cui lettere di diffida presentate all’azienda, continue e numerose, la prima risalente all’ottobre 2011, non hanno ancora ottenuto alcuna risposta.