Catania, arrestato ex assessore della giunta Scapagnini

28 novembre 2012

Mario De Felice è stato condotto in custodia cautelare con l’accusa di bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale per il fallimento del corpo di vigilanza “La Celere”. Il fallimento della società – dichiarato dal Tribunale di Catania nel novembre del 2009 – ha causato un’insolvenza di oltre 11 milioni di euro. Secondo gli inquirenti De Felice avrebbe, infatti, trasferito le somme aziendali al suo patrimonio familiare. Sequestrati anche gli immobili e condotta agli arresti domiciliari la moglie Giovanna Genovese.