Strigliata dalla Corte dei Conti al comune di Alì Terme

21 novembre 2012

Riscontrate infatti delle anomalie nel bilancio di previsione del 2011 e nel rendiconto del 2010. Alla giunta guidata dal sindaco Grasso viene imputato il mancato rispetto del limite di spesa per il personale, l’irregolare utilizzo di somme riferite a servizi conto terzi e un disavanzo di gestione pari a 490mila euro, coperto esclusivamente attraverso l’utilizzo dell’avanzo di amministrazione.