Riaccantonati al Fondo per lo sviluppo i 300 milioni di euro da pagare eventualmente dallo Stato come penale per la mancata realizzazione del Ponte sullo Stretto

16 novembre 2012

Lo prevede un emendamento del Patto di Stabilità. In un primo tempo i fondi dovevano essere destinate alle zone del centro Italia colpite in questi giorni dall’alluvione. Il cambio di rotta è giunto dopo l’intenzione comunicata da Eurolink di rescindere il contratto qualora dal governo non vi sia stata la chiara indicazione a proseguire nell’iter dell’opera. Una situazione che rischiava di portare a una serie di richieste di risarcimento danni direttamente all’esecutivo da parte delle ditte in subappalto.