Giornata fortemente perturbata e a potenziale rischio idrogeologico

15 novembre 2012

La situazione in atto sul Mediterraneo tenderà ad accentuarsi nelle prossime 18-24 ore, con una perturbazione proveniente dall’Africa che, trovando ostacolo nell’alta pressione presente tra Italia e Balcani, procederà lentamente verso nordest. I fenomeni quindi, tenderanno a persistere sulla nostra area, soprattutto nella prima parte della giornata, con precipitazioni localmente intense e a carattere temporalesco, concentrate prevalentemente sulla fascia ionica. Le temperature tenderanno ad abbassarsi, con massime di 19-20°C e minime sui 15-16°C, mentre l’umidità sarà ancora compresa tra il 60 e il 100%. La ventilazione invece, risulterà condizionata dall’area ciclonica che interesserà la regione, con venti moderati da nord-nordest nel Tirreno, che con intensità di 20-25 nodi renderà lo stato del mare di quest’ultimo mosso o molto mosso, mentre lo Ionio e lo Stretto, interessati da venti provenienti da sud-sudest, si manterranno molto mossi e temporaneamente agitati, con l’intensità del vento sui 30-35 nodi che potrà quindi determinare mareggiate lungo le coste esposte.