Il commissario Luigi Croce riferisce al Consiglio Comunale sulla lettera minatoria ricevuta

Durante il suo intervento in aula, Croce ha ringraziato i gruppi politici ma anche i sindacati, Confindustria e le altre associazioni di categoria per la solidarietà dimostratagli. Il commissario straordinario del Comune ha inoltre sottolineato di essere tornato a Messina per il grande affetto che lo lega alla città. Per quanto riguarda la crisi finanziaria del comune, secondo Croce “per rimpinguare le asfittiche casse comunali, vicine allo zero, occorre che si approvino i regolamenti per l’istituzione della tassa di soggiorno e dell’imposta municipale propria”.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*