il racket dei cardellini con l’anello al petto

20 agosto 2012

Intervento di Polizia di Stato, Guardie WWF e LIDA, per un maxisequestro di fauna selvatica a piazza del Popolo. 13 uccellatori sono stati fermati e condotti in Commissariato per essere denunciati. Un vero e proprio racket, secondo la Questura di Messina e gli esperti di WWF e LIDA. Sequestrate decine di gabbie con 200 esemplari circa tra cardellino, verzellini e zigoli, specie protette per la quale è rigorosamente vietata la cattura e la detenzione. Tutti gli animali sono stati affidati alle cure veterinarie del Centro Recupero Fauna Selvatica di Colle San Rizzo, gestito dall’Associazione MAN. “Per il numero di animali sequestrati e di persone denunciate – ha dichiarato Carlo Aprile, esperto antibracconaggio del Nucleo regionale delle Guardie WWF che ha condotto le prime indagini sul mercato clandestino di Messina – quella di Messina rappresenta indubbiamente l’operazione di polizia più corposa finora operata in Sicilia in materia di lotta al commercio clandestino di fauna selvatica, ed una delle più grosse a livello nazionale”.