Al via i tagli statali per lo sforamento del patto di stabilità

Il Governo nazionale ha, infatti, stabilito per il Comune di Messina tagli pari a 7 milioni di euro dai fondi stanziati dal Ministero degli Interni. Gravissime le conseguenze derivate all’ente dalla violazione del patto di stabilità: l’impossibilità di contrarre nuovi mutui o procedere a nuove assunzioni di personale. Lo sforamento dei vincoli imposti dal Patto di stabilità è pari a circa 28 milioni di euro. L’unica via di salvezza è la sentenza della Corte costituzionale dello scorso 11 luglio, secondo cui lo Stato non può imporre alle autonomie speciali, regole che incidono sul loro ordinamento finanziario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*