“Il fatto non sussiste”: il pubblico ministero chiede l’assoluzione per Vincenzo Garofalo al processo per le eventuali responsabilità sul suicidio al porto di Carmela Bertuccio

24 aprile 2012

Il deputato del Pdl nel 2003 quando la trentacinquenne di Belpasso si gettò con i figli nelle acque del porto di Messina era infatti il Presidente dell’Autorità Portuale. La Procura incriminò Garafolo sostenendo che se il molo fosse stato messo in sicurezza la donna non avrebbe potuto suicidarsi. Ma per il pubblico ministero Capece il fatto non sussiste e al giudice monocratico Bruno Sagone è stata chiesta l’assoluzione. Il processo riprenderà a maggio.