Inchiesta Iblis, imputazione coatta per Raffaele Lombardo

Lo ha disposto il gip del tribunale di Catania, Luigi Barone. Processo, quindi, per il governatore e suo fratello Angelo, deputato nazionale dell’Mpa, nonostante la richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura etnea, con l’indagine tolta ai quattro magistrati titolari dell’inchiesta Iblis e avocata a sè dal reggente Michelangelo Patanè. La Procura ha adesso dieci giorni per riformulare l’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*