‘La scarcerazione di Michele Aiello, alter ego di Bernardo Provenzano nella sanità, è una vera e propria anomalia’

Lo afferma in una nota l’eurodeputato di Italia dei Valori Sonia Alfano commentando la concessione degli arresti domiciliari per motivi di salute all’ex manager siciliano, condannato in via definitiva a 15 anni di reclusione per associazione mafiosa. “Trovo assurdo che un mafioso condannato in via definitiva possa tornare a casa propria a causa di un piatto di lenticchie”, ha commentato la Alfano, riferendosi alle motivazioni della decisione rese note dal Tribunale di Sulmona, a causa del favismo di Aiello.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*